Zelten

Questo dolce, simbolo della pasticceria tipica trentina, il cui nome deriva dall’avverbio tedesco “selten” – che significa raramente o talvolta – ricorda come nella tradizione popolare la preparazione di questo dolce fosse eccezionale e ricollegata alle sole feste natalizie poiché veniva preparato solo una volta l’anno. In un manoscritto del 1700, conservato presso la biblioteca di Rovereto, è descritta la ricetta del “celteno” un pane di frutta di origini medievali. L’anima di questo dolce trentino deriva dalla tradizione culinaria di montagna, secondo la quale si usano solo ingredienti facilmente reperibili e conservabili.  È difficile codificare una ricetta dello zelten, in quanto gli elementi che lo compongono cambiano da valle a valle. In trentino è più povero di frutta e più ricco in pasta. In Alto Adige ha forme varie: rotonde, ovali, allungate o a cuore. Una base comune si rintraccia nella presenza di farina, uova, burro, zucchero, lievito, noci, fichi secchi, mandorle e pinoli. Secondo la tradizione popolare lo zelten era confezionato per il solstizio d’inverno (Natale) con l’aiuto di tutti. Se ne preparava uno grande per tutta la famiglia; altri più piccoli perché le figlie da marito li donassero ai futuri consorti.

Ingredienti:

  • farina di frumento Tipo 0
  • noci sgusciate
  • fichi secchi
  • burro
  • uva sultanina
  • pinoli
  • mandorle
  • cedro e arancio canditi
  • ciliegie candite
  • lievito
  • zucchero
  • uovo
  • latte
  • sale

Aspan - Associazione Panificatori della provincia di Trento

38121 Trento – Via Solteri, 78 Tel. 0461 880422

Email: aspan@unione.tn.it 

Sito: www.unione.tn.it/aspan

Palazzo Roccabruna

38122 Trento – Via S. Trinità, 24 Tel. 0461 887101

I nostri orari di apertura: giovedì, venerdì e sabato dalle 17.00 alle 22.00

I nostri siti internet:

www.palazzoroccabruna.it

www.accademiadimpresa.it

    © Profumo di pane trentino - tutti i diritti riservati

    Pin It on Pinterest

    Condividilo sui social!

    Condividi questo articolo con i tuoi amici